Hot Queer Erotica. Trastulli (anal)vegetariani 2

Cancellate il mio sesso e succhiate il mio latte in cambio di fiele.
(Pauline Oster, citando Macbeth di William Shakespeare,

in L’altra metà dell’amore, regia di Léa Pool, Canada 2001)

Piatto caldo

(secondo episodio)

di Luca Sibillo

Sì, eccola lì, la nostra stella nella notte, nei pressi della rotonda. È il prof. che l’ha avvistata, anche se è con tono alquanto secco che ci rende partecipi della sua presenza, quasi privo di colore. Dunque, dopo tanto attendere ci saremmo trovati davanti una persona come un’altra? dalle nulle attrattive?… la delusione delle delusioni?!… Com’è o come non è, io sulle prime non mi volto, mi faccio bastare l’espressione sul volto del mio caro amico ‘quasi un dottore’… la faccia che gli resta!… E dunque resisto, resisto, resisto alla tentazione… poi però mi lascio andare, mi volto anch’io. 

Ah, ora capisco!… voglio dire, sculetta che è un morire nei suoi short di jeans, con la bionda coda di cavallo che ad ogni passo ribadisce l’onduloso portamento delle natiche a passeggio, con la fascia leopardata attorno al petto che le strizza quei due cocomeri di seni… Insomma, tutto ciò lo si distingue benissimo, anche da lontano. Ohi ohi, però, che spalle!… belle grosse, le spalle!…

Ebbene, ancora un po’ di scodinzolio, ancora qualche tacchettata… poi ci si avvicina, ci si ferma dinnanzi…

È poco sotto i 40, Maria. Solo che adesso, a dispetto di tutta la procacità delle sue forme e del suo stile, come dire, un po’ aggressivo,  se ne resta lì, davanti a noi, come impalata… E allora, che fa, s’imbarazza? ma come, una come lei? con quel portamento? con quella presenza?… Siam forse io e il quasi medico? è per via di noi due, gli sconosciuti?… Suvvia, che si rilassi, che si rilassi e sciolga ogni riserbo; e, soprattutto, che si sieda, che si sieda e mi si spieghi meglio tutto quanto, voglio sapere ogni cosa, il minimo particolare, su ’st’altr’angolo d’universo.

Niente da fare, se ne resta lì, innanzi a noi, vieppiù impalata, a sguardo basso, bassissimo… Sembra premerle qualcosa, tanto ch’a malapena ci si presenta. Soltanto col prof., solo col suo amico d’adolescenza fa ogni tanto per alzare lo sguardo da terra, solo con lui fa per parlare.

Comunque sia, le dura davvero poco l’imbarazzo, tal ch’io poi, dal modo in cui comincia a provocare i passanti, capisco subito di che pasta è fatta, l’amica!… No, non la fa buona proprio a nessuno, per cui, prima li prende di mira, poi… gli sfodera certi epiteti!… destra/sinistra! tutta la passeggiata!… Ma un cert’occhio ‘di riguardo’ lo ha per gay e fidanzate… gli vien su un cert’odio con quelli! gli applica di quelle etichette!… Ci resto, io, a chiedermi una lunga serie di perché, ma soprattutto rispetto a quel suo improvviso e repentino cambio d’umore… davvero inspiegabile!… Resto solo coi miei dubbi.

Una cosa invece la posso sicuramente dar per certa, ossia che i maschi eterosessuali son tutta la luce dei suoi occhi, tutta la passione sua – per quelli nessun’infamia, alcun’ignominia… Assolutamente! sicché poi di quelli se ne passa e passa in rassegna, e quanti, tutta la piazza! uno a uno, muscolo per muscolo!…

“Guarda questo, gua’! guardalo come butta l’occhietto!… li conosco io quegli sporcaccioni lì!”…

… i mascoli coi muscoli, è chiaro che li predilige, più muscoli hanno e meglio è!… Va da sé che noialtri, per lei, su quella panchina spalle al porto… noi non ci siam nemmeno!… il nulla cosmico!… il vuoto primordiale!…

E vabbè che in quel senso non le facciam né sangue né specie, ma che si sieda almeno, ché noi lì è da un buon quarto d’ora che ci siam scomodati per farle posto. Forse è che vuole lasciarsi ancora ammirare per intero?… le dà un certo piacere eleggersi tuttora a reginetta della piazza?… Davvero difficile star lì a comprendere le sue ragioni!…

Finalmente prende posto, Maria, accanto al suo amico di sempre, mentre il ‘quasi medico’ sembra affanni non poco a tenermi lei e la sua rinnovata esuberanza a un sol corpo di distanza. C’è poco da dire, ormai ha sciolto ogni riserbo… E oplà! accavalla le cosce e prende a dondolarne una… a bella mostra tutto il carnaio!… Ormai è a briglie scioltissime, tant’è che prende a schernire ’n’altra dozzina di passanti, senza esclusione di sesso, razza e religione, con tali provocazioni che alle tipe poi le si raggela il sangue in vena e ai maschietti gli diventa paonazza la faccia… Io, nel frattempo, prendo a fissarle le gambe, il moto perpetuo che fanno… cerco di capire tutto da lì…

E Sant’Iddio quelle gambe, du’ cosce che non han pari al mondo!… Oddio, forse un po’ troppo grosse. Resto a fissarle… Ma c’è che l’è presa ’na fame ladra, dal che di lì a poco salta su dalla panchina e punta dritto al bar Canneto; ci chiede di farle compagnia. Ma non se ne fa niente, nemmeno più un’unghia in quella squallida cloaca di bar!… Ah no! almeno per quanto mi riguarda, che non insista, ché noi testé lì dentro già ci siam stati, e per farci servire del Petrus da due baristi che, nel servircelo, ci han mostrato la stessa grazia che potrebbero avere due scaricatori di porto a cui è andata storta la giornata!… che amarezza!…

“Allora OK, vado da sola, miei cari!”… e così dicendo gira sui tacchi e se ne va sculettando che è un gran piacere fino al Canneto, per un nuovo festival d’occhi sbarrati, per un nuovo morire di folle in piazza!… Di lì a poco se ne ritorna con un cornetto al cioccolato tra le mani. Fa per riprendere il suo posto, la bella, e una volta comoda… Ahum!… e cazzarola, che imboccata!… se lo sbafa in un niente quel cornetto, due morsi, due! netti, incisivi, decisi, decisivi!… la fame di sei facchini!… Ma c’è che almeno dopo essersi riempita il buzzo sembra realmente avvedersi della presenza dei due sconosciuti che le siedon di fianco…

“Mhmm, ma che carini!… tu, lì dietro! tu che te ne stai così sulle tue, ma lo sai che sei proprio un bel bambolotto!?”…

“… ah sì?”…

A ’sto punto il quasi medico si sente ormai di troppo, si alza…

“sembra una questione fra voi due!”… e così dicendo fa per cedermi il suo posto.

Prende subito a farmi gli occhi dolci, cerbiattosi, la mastangona!, facendo altresì gran sfoggio delle sue labbra, due canotti rossi che lei si mordicchia spesso, e in maniera, come dire, piuttosto eloquente!… E poi, quel suo nasino alla francese… mhmm, tutto un gran ritocco!… Mi chiedo soltanto cosa le passi per la testa… Oh, che le stian salendo su delle gran voglie?… e, soprattutto, che sia proprio io l’essere chiamato a soddisfarle?… dagli occhi, dalle labbra, da tutta se stessa, sembra proprio che sia così!… Intanto è ancora lì che se ne sta, che mi dondola e ridondola le gambe, che mi sdolcina gli occhi finché quasi non le lacrimano… Su dai, chiaro, è lì che aspetta, aspetta soltanto che io, rispondendole in qualche modo, mi getti fra le braccia delle sue infinite provocazioni. Sembra proprio una di quelle che sa il fatto suo, la bella, che ne sa, e quante, quando si tratta di ottener ciò che vuole. Ma me ne resto lì, io, immobile, piuttosto perplesso, interdetto, e non tanto per le continue effusioni che mi regala – ché quelle già eran più che scontate, vista la personalità –, né tampoco per tutto il gran tiraggio delle carni… è la sua voce!… profonda! roboante!… mi confonde!… C’è da dire che lei si sforza, e tanto, per farla uscire sottile dalla bocca, ed io lo apprezzo, il suo sforzo… ma non basta!… mio Dio, quei listelli di legno della panchina! li sento vibrare e vibrare sotto i tuoni della sua voce!… li sento, sì, ovunque, dappertutto! da sotto al culo, da dietro le reni, le spalle… li sento, come no! che quasi si flettono! che quasi si spaccano!… la sua voce, la panchina… mi ci tiene inchiodato, la sua voce, alla panchina!…

E poi con quella sua intonazione cantilenata, quei suoi intercalari: inusitati accenti tonici, bizzarre cadenze, improvvise modulazioni, una mistura di dialetto salentino e romanesco che… non si capivano due parole messe una in fila all’altra!… Discorso a parte meritano le massicce dosi di profumo che dal suo gran corpo si spandevano tutt’in giro… a impestarti le narici! estratto di vecchia!… profumo che inoltre, frammischiato alla puzza di pesce esalante dalle botteghe che ci stavan d’innanzi e dai pescherecci alle nostre spalle… mentre la buona sorte m’aveva anche posto sotto vento, maledetta la mia buona sorte!… Sto per lasciarmi andare… soffocato! la mia prima morte per asfissia… ’n altro paio di respiri e poi sarò roba dell’asfalto e basta!…

… ’sto fatto mi spinse a parlare…

“Toglimi una curiosità, fata, la bottiglina di profumo… che per caso t’è scappata di mano?”…

“Perché? che c’è? non ti piace, tesoro?”…

“Certo che sì!… solo forse… un po’ troppo? che dici?”…

Ebbene, continuai a profondermi in matte proteste… certi piagnistei!… Infine mi fu concesso di sistemarmi sul lato opposto, al posto del prof., che da lì quantomeno mi sarei ritrovato sopravvento!… Solo allora fui pronto per darle udienza…

“Dai tesoro, adesso lascia un attimo perdere i passanti, raccontaci qualcosa di te piuttosto!”…

Mi pongo in ascolto, anima e corpo. È il momento di aprire i sensi, di respirare profondamente, all’unisono con l’altro… ma, soprattutto, è il momento di dar la stura a tutti gli orecchi che ho, ché, ripeto, quando parla quella ci vuole un interprete e basta!… Ci racconta proprio tutto, la bella, tiene nulla per sé. E così, tra svariate storie, ci parla del suo impiego, e quindi di come oggi, a 38 anni, faccia la parrucchiera presso un rinomato coiffeur capitolino al centro di Roma, ch’è un buon lavoro e che le torna una buona paga – sebbene non disdegni di arrotondarla con qualche marchetta qua e là…

“… gli uomini sono tutti miei, tesoro, capito?!”…

Tra un racconto e l’altro, poi, l’intervento di vaginoplastica!… Prende dunque a riferirci di un taglio grosso così, dal perineo al glande, quindi del seguente rivoltamento che si fa dello scroto per la costruzione delle piccole e grandi labbra… E ancora, dell’estrazione di biglie e corpi cavernosi (ché quelli mica servon più!) e della conseguente costruzione del canale vaginale. Per finire ci racconta della bella sfoltita che si suol dare al glande in vista di ricavarne il clitoride… zac! zac!… un bel clitoride! un bel clitoridino nuovo di zecca!… zac!… Poco da dire, quei chirurghi lì, loro sì che son dei veri artisti!…

Ma mica si ferma, ce ne racconta e racconta: laser, la rimozione di due costole per l’affinamento del punto vita, l’intervento di addominoplastica… tutte le ventitré operazioni di ricostruzione! tutt’ i trentamila euro e passa di correzione!…

Finito?… macché! cambia solo registro: inizia a raccontarcene su ortolani, operai, meccanici (lascio immaginare il registro), prefetti, diplomatici, alti e bassi prelati – risparmiandoci almeno le mirabili gesta pre-operazione.

“Senti un po’, toglimi una curiosità, mi dici perché ce l’hai così su coi gay? in fondo lo sei stata anche tu, no?”…

“Ah, te lo spiego subito!… è ch’è tutta concorrenza! gay e fidanzate, amore mio, i miei peggiori nemici! sempre lì pronti a soffiarmi il potenziale cliente, capisci?!”…

“Bah, a parer mio esageri!… e invece, colle lesbo? non mi dire che ce l’hai pure con loro?”…

“È certo tesoro!… lasciamo perdere va’, ché quelle hanno avuto la fortuna di esserci nate… con la figa!, e non la usano! che spreco, amore mio, che spreco!”…

“Dai che a modo loro…”…

“Sì, hai detto bene, a modo loro!… la figa è fatta per essere penetrata, tesoro, punto!… A proposito, ma lo sai che la mia fighetta è bella assaje, ne’, napulità?! un’opera d’arte!”…

“… ah sì?”…

“Vuoi dare un’occhiata? dai, assaggiane una fettina ché c’hai proprio gli occhi che mi dicono di sì!”…

“… mhmm… magari dopo!”…

Annalisa Macagnino, Senza titolo, 2014

Annalisa Macagnino, Senza titolo, 2014

Hot Queer Erotica. Trastulli (anal)vegetariani 1: Piatto Caldo (primo episodio)

Hot Queer Erotica. Trastulli (anal)vegetariani 3: Piatto Caldo (terzo episodio)