“O” – [Eau] Collective Art Exhibition

“O”- [EAU] è il titolo evocativo della collettiva d’arte curata da Laura Francesca di Trapani, organizzata da CaliariProject di Maurizio Veronese, che inaugurerà a Palermo l’8 marzo alle ore 18.30 presso Palazzo Ziino (via Dante, 53), e resterà aperta fino al 30 marzo 2013.

Lo spazio espositivo sarà visitabile dal lunedì al sabato dalle ore 9.30 alle ore 18.30.

“O”- [EAU]

“O”- [EAU]
Collective Art Exhibition – 8.03.2013 – 30.03.2013
Palazzo Ziino, via Dante 53, Palermo
Opening March 8, h. 18.30
Curated by Laura Francesca Di Trapani
Organizzation: Caliari Project

“O” è un collettivo di voci riunite con l’intento di tracciare un nuovo percorso artistico che, attraverso un rapporto dialettico e sinergico tra diverse discipline (arti visive e performative, letteratura, teatro e musica), intende riflettere sull’anima femminea e il suo elemento simbolico, l’acqua. Due elementi indissolubilmente legati tra loro e rappresentati da un’unica lettera: “O”, che va intesa sia come l’iniziale di Ophelia, prosopopea dell’essenza femminile, sia come la parola francese eau (‘acqua’) con i suoi aspetti dicotomici di vita e di morte. Carl Gustav Jung ben riassume il duplice aspetto dell’acqua: “Le acque nere della morte sono acque di vita, la morte con il suo freddo amplesso è il grembo materno come il mare che pur inghiottendo il sole, lo ridà alla luce traendolo dal suo grembo materno. La vita non conosce morte… La proiezione dell’imago sull’acqua conferisce a quest’ultima una serie di qualità luminose o magiche, peculiari della madre […]” (C.G. Jung, Simboli della Trasformazione, Bollati Boringhieri, Torino 1992).

DISSETA from Manuela Di Pisa on Vimeo.

Tuttavia, in questo originale percorso artistico, attraverso un atto di decostruzione del mito shakespeariano, si vuol delineare l’immagine di un’Ophelia contemporanea e al tempo stesso riscrivere, partendo dalla fine per approdare a un nuovo e inatteso inizio, la storia di uno degli esempi emblematici di femminilità. Dunque, in questo ciclo di morte e rinascita gli artisti presenti hanno cercato – ognuno con la propria personale sensibilità poetica – di cogliere: L’anima dell’acqua, femminea, cosmogonica, ancestrale, primordiale, notturna, vischiosa, inafferrabile, iniziatica, calore liquido. Percorso d’acqua, nell’acqua, attraverso l’acqua. Percorso di un’Ophelia in una mutevolezza prospettica, in una dislocazione temporale contemporanea. Ophelia-femmina decostruita, la cui centralità corporea è fonte generativa a livello profondo di passioni, di emozioni, di consapevolezza. Visioni interiori di una fenomenologia delle emozioni. L’acqua e Ophelia, l’Opheliaacqua, acquaOphelia, mescola il soggettivo coi moti dell’animo, nel flemmatico temperamento. Si origina dall’acqua, all’acqua ritorna e dall’acqua si rialza, accompagnata dai fiori emozionali di donna odierna.” (Lara Francesca Di Trapani, testo critico della mostra “O” – [EAU]). 

Donato Di Trapani – Bachanian! from Donato Di Trapani on Vimeo.

Ogni artista ha dato un volto e un’anima a questa Ophelia dei nostri giorni con mezzi espressivi e poetiche differenti: le ambientazioni rarefatte e oniriche delle fotografie di Stefania Romano o di Rori Palazzo, i racconti dal taglio cinematografico di Francesco Paolo Catalano, gli studi fotografici sulla natura e la botanica di Sergio Zavattieri, la scultura di ascendenza serpottiana di Loredana Grasso, il simbolismo pittorico di Fabio Marullo, i costumi e le scenografie del duo creatosi per l’occasione Roberta Barraja e Daniela Balsamo, la dimensione dei sentimenti indagata dal video animazione di Rita Casdia, la ricerche sulla memoria e i luoghi di Annalisa Furnari, l’istallazione sonora di Donato Di Trapani o l’istallazione video che nasce dalla collaborazione tra la performer Ricchezza Falcone e le raffinatezze estetiche di Manuela Di Pisa.

Le opere sono in vendita.
Per info mandare mail a paolo@caliariproject.com
o telefonare allo 00 39 346 7216017
www.caliariproject.com/cp-on-air/opere-in-mostra