Curvy is Queer

Plus size model for muse agency – Vogue Italia

Curvy, così si dice in un linguaggio “fashion e inglese”. Formosa, rotonda, curvilinea, in carne, grassa & bella. Le ragazze curvy non sono dei numeri in chilogrammi, sono, piuttosto, una “&”: grasso e bellezza.
Il sovrappeso è una determinante di genere “queer”. Uomini e donne obesi tendono a delle sagome prive di connotati di genere: diventano una curva, una sfera. La percezione è quella di associarli a dei bambini cresciuti.
“Curvy” non è una denominazione medica; è un’estetica di “moda” e per la moda. È un archetipo femminile di donna- madre- terra. Una moda che persiste e ricorre nei decenni e che si avvicina a un immaginario femminile pretenzioso: la bellezza maschile si calcola più dal fisico. La bellezza femminile si calcola più dal viso. Uomini grossi con una bella bella faccia sono uomini brutti. Una donna è una bella donna se ha una bella faccia. Una bella donna resta tale anche se è curvy. Curvy è l’esaltazione della distribuzione del grasso corporeo femminile: è “l’amo” gay di chi ama le donne al di là di intenti sessuali.

Curvy è stato Botero. E’ stato camp, prima che queer. Divine, Grasso è bello. E’ stato la maggiorata del dopoguerra e il sogno americano biondo e in costume da bagno.

Le modelle curvy sono degli outsider di bellezza al pari delle top model anni 90 famose per i loro visi carismatici. Curvy è il saper indossare abiti, il sapersi truccare e pettinare, senza richiedere un abito taglia 40 per la prova camerino. Curvy sono gli abiti fasciati e i fianchi tondi delle donne ricreati in sartoria dalle drag queen.
Essere una donna curvy è come sentirsi i capelli ricci e voluminosi.

Anche io sono una donna curvy, come lo è il mio blog the curvy girl.

aurora borealis

aurora borealis
Valeria Gianfalla Self Portrait

No Ordinary Love

No Ordinary Love
Valeria Gianfalla by Francesco Paolo Catalano, 2009

Pantone Fashion Curvy

Beth Ditto per Pop Magazine, 2007

Testo di Francesco Paolo Catalano
Galleria fotografica a cura di Valeria Gianfalla per The curvy girl