Cindy Sherman

Cindy Sherman è un’opera contemporanea.

La sua fotografia è una costante ricerca sulla costruzione dell’identità e sulla natura della rappresentazione in sè, attraverso un lavoro autoritrattistico a partire dagli anni 70.

Le sue fonti d’ispirazione sono trasversali alla tv, alle immagini di moda , alla storia dell’arte, a internet.

Cindy Sherman ha un’identità fotografica trasformista e queer, utilizzando linguaggi grotteschi, patinati e surreali.

Cura personalmente ogni aspetto della sua fotografia: trucco, costumi, capelli, scenografia. L’utilizzo posticcio di parrucche e protesi le hanno permesso l’attraversamento identitario; da sirena a pagliaccio, a icona di se stessa.

L’attenzione al dettaglio estetico rende la sua fotografia un caso singolare di incontro tra arte e moda. Cindy Sherman è l’unico modello culturale esistente che accomuna il Museum of Modern Art  – MoMA – e Mac Cosmetics.